I sintomi della celiachia: l’ansia

Tra i sintomi della celiachia c'è anche l'ansia

La celiachia è un’intolleranza permanente alla gliadina, una sostanza contenuta nel glutine, presente nella maggior parte dei cereali più diffusi, come frumento, orzo e segale. I sintomi della celiachia sono molti e vari, come problemi intestinali, ormonali, dermatiti, dolori articolari, ma non sono soltanto fisici. L’ansia è tra i sintomi più frequenti della celiachia a livello mentale.

Come agisce la celiachia

La celiachia è una reazione di difesa dell’organismo nei confronti della gliadina, una proteina del glutine che non viene tollerata da alcune persone predisposte. Il corpo attacca questa sostanza per eliminarla, ma essendo molto simile ai tessuti sani del tratto intestinale, attacca anche le pareti dell’intestino, danneggiandole. Sulla mucosa intestinale ci sono dei ripiegamenti di tessuto, una specie di tappeto di bastoncelli che permette di estendere la superficie di assorbimento dei nutrienti e quindi aumenta l’efficienza della digestione. Questi ripiegamenti si chiamano villi intestinali e nella celiachia vengono distrutti, impedendo un corretto assorbimento dei nutrienti.

I sintomi della celiachia

I villi intestinali sono come le radici di una pianta: se non sono in grado di assorbire le sostanze nutritive e fornire al corpo l’energia necessaria, si innesca un processo patologico e il corpo si ammala. I sintomi di questa malattia possono essere svariati e coinvolgere diverse funzioni e aree del corpo. Tra i sintomi più visibili ci sono un forte dimagrimento, diarrea persistente, vomito, costipazione, ma anche dolori, artrite, formicolio, aborti e interruzione del ciclo mestruale e dermatiti.

Ci sono anche sintomi meno evidenti, come quelli che coinvolgono la sfera mentale: affaticamento, irritabilità, confusione, stanchezza cronica, annebbiamento. Tra quelli più diffusi ci sono sicuramente l’ansia e la depressione, due mostri moderni che si intrufolano in ogni possibile malfunzionamento dell’organismo.

Celiachia e ansia

Alla base della celiachia e della manifestazione dei suoi sintomi c’è il malassorbimento delle sostanze nutrienti. La mucosa intestinale si infiamma, i villi si atrofizzano e non sono più in grado di fornire all’organismo le sostanze di cui necessita. Si scatena così una sequenza di disfunzioni che possono provocare sintomi molto gravi ed evidenti sul piano fisico. Anche l’ansia si scatena grazie allo stesso meccanismo.

Perché si sviluppa la celiachia

Un problema comune a molti disturbi cronici come la celiachia, la psoriasi, l’ansia e la depressione è la carenza di vitamina D.
Come dimostrato da questo studio, la carenza di vitamina D è strettamente legata alla celiachia: questa vitamina è essenziale per garantire l’elasticità e la salute dei tessuti ed è infatti nota per i benefici che apporta alla pelle. I tessuti interni hanno ancora più bisogno di elasticità di quanto ne abbia la pelle; una carenza di vitamina D rende rigido l’intestino e peggiora le sue capacità di assorbimento, facendo filtrare sostanze nocive che provocano stati di infiammazione.

Sembra quindi che alla base dei disturbi più diffusi della nostra epoca vi sia una carenza di vitamina D, molto probabilmente dovuta all’alimentazione e all’impoverimento nutrizionale degli alimenti. Ciò non significa che tutto dipende da questa carenza, ma è indubbio che la sua diffusione rivesta un ruolo importante nel collegare malattie così diverse.

La carenza di vitamina D è un segnale d’allarme per lo sviluppo di una forma d’ansia, ma non sappiamo ancora molto del ruolo che riveste nella sua manifestazione. Sappiamo però che il malfunzionamento dell’intestino può causare ansia, panico e depressione se interferisce con la produzione di serotonina, l’ormone del buonumore. Bassi livelli di serotonina sono correlati possono provocare disturbi d’ansia.

Come si intrecciano ansia e celiachia

Tutti i disturbi cronici, come tutte le malattie, vanno considerati nella loro complessità: il nostro organismo è una rete intricata di funzioni biochimiche, bioelettriche e biomeccaniche, gestite dai vari organi in maniera non esclusiva. Ogni organo funzionano in stretta connessione con gli altri e questo rapporto di interdipendenza implica manifestazioni patologiche diffuse: le malattie non sono facilmente circoscrivibili a singoli organi così come non dipendono da singole variabili. Così, un disturbo come la celiachia può dipendere da una predisposizione genetica che viene attivata da stili di vita poco sani, come la scarsa attività fisica, il consumo eccessivo di glutine in prodotti confezionati, il fumo. Queste abitudini non attivano direttamente la predisposizione, ma innescano un circolo vizioso, un processo a catena che può ad esempio portare alla carenza di vitamina D e serotonina. A loro volta, si scatenerebbero disturbi come il malassorbimento intestinale, psoriasi, problemi di concentrazione e del sonno, obesità. Questi potrebbero rinforzare le carenze dell’organismo e cronicizzarle, sviluppando l’intolleranza permanente al glutine.

Il circolo vizioso dell’ansia

L’ansia potrebbe arrivare poco dopo o assieme a tutti questi fattori di rischio. Una persona in sovrappeso, che si muove poco, potrebbe esporsi raramente al sole per imbarazzo e per la pressione sociale sull’aspetto fisico. Questo aumenterebbe la carenza di vitamina D. L’isolamento sociale e la bassa autostima potrebbero portare la persona a sfogarsi mangiando, in quella che viene definita obesità psicogena.

Un’alimentazione ricca di grassi idrogenati e saturi, zuccheri, farine raffinate (pensa a merendine, pizza, pasta, dolciumi e bevande) potrebbe lenire la tensione emotiva sul breve termine, ma potrebbe causare una dipendenza da zucchero, una sovraesposizione al glutine e vari problemi di salute, come colesterolo, problemi cardiaci e di circolazione,  e infine obesità. La celiachia a questo punto potrebbe esprimersi con vari sintomi. Uno stato di salute precario e le limitazioni della celiachia abbasserebbero ulteriormente l’autostima e la resilienza della persona, ovvero la sua capacità di reagire, aggiungendo preoccupazioni e atteggiamenti negativi.

A questo punto il corpo inizierebbe a reagire allo stress al quale è stato sottoposto, scatenando la sindrome di iperventilazione ed attivando uno stato d’emergenza continuo. Questa situazione è un tappeto rosso che viene disteso per l’ansia, pronta a legare le preoccupazioni e i pensieri negativi della persona al funzionamento d’emergenza del corpo. Una volta istituito questo legame, ansia, panico e depressione sono pronte a governare la vita della persona.

Quella appena descritta è una situazione tipica, non è detto che debba andare sempre in questo modo, serve solo per farti un’idea di come due disturbi apparentemente lontani come celiachia e ansia possono essere strettamente legati l’uno all’altro.

Cosa si può fare?

A parte l’intervento medico, possiamo ristabilire le condizioni favorevoli per un corretto funzionamento dell’organismo, mente compresa. I passi da fare sono molti, ma sono piccoli e semplici: bisogna togliere tutte quelle abitudini che assieme concorrono allo sviluppo dei disturbi cronici. Come nell’esempio qui sopra, si può partire dall’alimentazione, dall’attività fisica, dalla respirazione e dall’atteggiamento per rinforzare l’organismo e spegnere l’allarme dello stato di emergenza, attivando la salute e il benessere. Se non sai da dove iniziare, prova con il metodo Resoluzione: scarica Ansiopanicyn e segui passo dopo passo tutti i semplici consigli per eliminare l’ansia e rompere i circoli viziosi che imprigionano la tua vita.

Andrea Butkovič

Sono Andrea, il webmaster di Espira, autore di Ansiopanicyn e ideatore del metodo olistico Resoluzione. La mia missione è di aiutarti ad affrontare ansia e panico nel migliore dei modi, senza spendere un capitale e senza aspettare una vita. Laureato in psicologia e con oltre 10 anni di esperienza, sono il tuo consulente olistico di fiducia.

I migliori prodotti per il tuo benessere selezionati dal tuo operatore olistico di fiducia!

Vitamine A & D 10.000/400
Utile per il nutrimento delle ossa

Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere

€ 12.5

La Vitamina D
Il Superormone: come proteggersi dalle malattie croniche

Voto medio su 7 recensioni: Buono

€ 14.9

Celiachia, Intolleranze, Allergie Alimentari
800 ricette naturali senza glutine, uova, latte vaccino, lievito
€ 9.8


Niente spam, garantito!

Lascia la tua mail solo per ricevere altro materiale gratuito e aggiornamenti dal blog, niente spam! Andrea

Error: Please enter a valid email address

Error: Invalid email

Error: Please enter your first name

Error: Please enter your last name

Error: Please enter a username

Error: Please enter a password

Error: Please confirm your password

Error: Password and password confirmation do not match