Squilibrio ormonale: cosa fare e cosa mangiare

Rimedi naturali per lo squilibrio ormonale

Cibi e rimedi per riequilibrare gli ormoni

I sintomi di uno squilibrio ormonale sono così tanti e svariati da poter essere collegati erroneamente ad altri fattori o legati spesso ad un’unica variabile, commettendo un errore diffusissimo non solo nelle auto-diagnosi, ma anche tra il parere degli esperti: il riduzionismo. Non è così comune infatti, nemmeno nell’ambiente medico, una considerazione olistica, globale e sistemica delle problematiche di salute, a tutto favore delle soluzioni rapide, delle scorciatoie e delle semplificazioni estreme, che spesso conducono all’assunzione indiscriminata di farmaci.

L’equilibrio ormonale nel nostro corpo è da considerarsi come una proporzione armonica delicata e complessa tra una grande quantità di sostanze chimiche che hanno lo scopo di trasmettere messaggi sul funzionamento interno tra gruppi di cellule diverse. Si tratta forse dell’equilibrio più complicato e fragile del nostro corpo, capace di regolare l’intera nostra esistenza psico-fisica. Non tutto dipende dagli ormoni, ma ogni equilibrio biochimico che ci caratterizza passa necessariamente per quello ormonale.

Sembra evidente quindi come il mantenimento di un equilibrio ormonale efficiente sia cruciale nel mantenimento della nostra salute. Anche per quanto riguarda l’ansia e il panico, gli ormoni sono coinvolti sia nella fase di preparazione del malessere, con l’accumulo di cattive abitudini, sia in quella di manifestazione, grazie al ruolo di messaggeri che rivestono: sono gli ormoni a dare via libera al dilagare dell’ansia. Ma non solo, lo squilibrio ormonale è altresì coinvolto nel mantenimento dell’ansia e del suo circolo vizioso.

Come fare per rompere questo circolo vizioso?

In un’ottica sistemica, non esiste una risposta a questa domanda, se non una che preveda un’azione d’insieme, capace di agire su tutti i fronti per interrompere una circolarità alimentata da tutti gli infiniti punti che costituiscono quella stessa circonferenza. Questo è il caso del metodo Resoluzione, creato raccogliendo i frutti di diverse discipline per poter agire sinergicamente in tutti gli aspetti del problema, assediandolo e sradicandolo dai suoi insediamenti più tenaci. Ordina una copia di Anisopanicyn.

Come fare per ristabilire l’equilibrio ormonale?

Bisogna agire contemporaneamente su più livelli:

  1. Stress: cercare di limitare l’esposizione a situazioni stressanti sia fisicamente che mentalmente per quanto possibile e in ogni caso praticare Yoga e meditazione, le armi migliori per riportare l’ago della bilancia al centro del nostro benessere.
  2. Riposo: la deprivazione di sonno incide in maniera eclatante sulle oscillazioni ormonali, quanto un terremoto di elevata magnitudo su un castello di carte. Non solo, la regolarità, la qualità, e la quantità di sonno sono variabili cruciali, così come una corretta esposizione al sole. Siamo progettate per vivere all’aperto e ripararci dalle intemperie, non per vivere al chiuso, lontane dalla natura; è così che funzioniamo al meglio.
  3. Attività e movimento: la sedentarietà ci uccide. Proprio così, ci uccide rendendoci imbecilli, demotivate, svogliate, “imparanoiate” e insensate, oltre che grasse e informi. Parole brutali, ma lucide e reali: dai un’occhiata a questo articolo, prima di trasformarti in una zombie!
  4. Integratori: le erbe officinali offrono un aiuto straordinario. Prova a consultare un’erborista; le piante migliori sono la cimicifuga racemosa e la liquirizia, che alzano i livelli di progesterone. L’agnocasto ha effetti equilibratori sull’ipofisi e sull’ipotalamo; la canapa bilancia i livelli di omega-3 e omega-6, l’olio di primula della sera è ricco di acidi grassi essenziali, la rhodiola migliora le funzioni della tiroide. Altre piante possono comprendere il tarassaco, il palmetto seghettato, il cardo benedetto e il maca, il ginseng, il dong quai e l’ashwagandha.
  5. L’alimentazione: in quanto fonte di quasi tutti i nostri nutrimenti, l’influenza della dieta è enorme, nonché la più semplice variabile da controllare.

I legami tra equilibrio ormonale e alimentazione sono strettissimi e dimostrati da migliaia di ricerche in medicina. Una menzione particolare va fatta innanzitutto per i contaminanti che sono presenti nella maggior parte degli alimenti disponibili sul mercato, o meglio di quelli più disponibili in assoluto: i prodotti confezionati, altamente processati e derivati da agricoltura e allevamento intensivi.

Prendi tutta l’alimentazione su larga scala, di consumo, moderna (chiamala come vuoi) e buttala via.

C’è davvero poco da salvare nell’industria e nella grande distribuzione alimentare. A nessun attore in gioco interessa la tua salute, né la tua alimentazione, ma esclusivamente il profitto. Non ci sono nonni benevoli o mulini dove il pane viene impastato con amore, ma deforestazioni selvagge dalle quali spremerci in bocca oli vegetali non identificati, galline ipertrofiche che vengono alla luce senza mai vederla, additivi, pesticidi e plastica che prima distruggono tutto ciò che ci sta intorno, iniziando da lontano, per poi avvicinarsi minacciosamente con un movimento centripeto e balzare come parassiti nei nostri corpi, devastandoli.

Non voglio terrorizzarti, credo ci sia ancora uno spazio libero d’azione e soprattutto si possono fare delle scelte responsabilizzanti, vere e proprie prese di posizione in difesa della salute delle persone e dell’ambiente. Consuma frutta e verdura di stagione, biologiche, prodotti locali e svincolati dalle grandi catene di distribuzione. Costano molto? Includi sempre nel computo quanto spendi e dovrai spendere per la tua salute e vedrai che scegliendo l’alimentazione naturale, risparmierai pure.

Cosa mangiare per l’equilibrio ormonale?

Segui questi consigli e includi questi alimenti nella tua dieta:

  1. Evita la caffeina: almeno nei periodi di maggiore stress o in concomitanza con il ciclo mestruale, cerca di diminuire l’assunzione di caffè e caffeina, che stimola eccessivamente la ghiandola surrenale.
  2. Elimina gli zuccheri: se hai letto l’articolo di cui parlavo sopra, non serve aggiungere altro.
  3. Evita il glutine: potresti essere intollerante e non saperlo ancora, in quanto la diagnosi è ancora difficile da emettere, ma in generale la proteina del glutine potrebbe scatenare una risposta immunitaria che porta allo squilibrio ormonale, a causa di una sovraesposizione ai cereali che la contengono.
  4. Evita i carboidrati trasformati e quelli ad alto indice glicemico: in poche parole consuma cereali integrali, meglio se senza glutine e biologici, come quinoa, amaranto, avena.
  5. Consuma molti legumi come base della tua dieta, come lenticchie, piselli, fagioli e ceci, ricchi di fitoestrogeni, così come gli spinaci.
  6. Evita oli vegetali e grassi idrogenati, prodotti a base di soia e che la contengono; seppure secondo alcuni la soia ha degli effetti benefici per l’equilibrio ormonale, è un alimento di cui “non fidarsi è meglio”. E aggiungo: ha un gusto tremendo, quando non nullo.
  7. Evita completamente il consumo di alcol.
  8. Evita quasi completamente le proteine animali come carne, pesce e latticini. Come? Dappertutto dicono di mangiare pesce, ci sono gli integratori di omega-3 a base di olio di fegato di merluzzo, anche il pesce fa male? Non tutto, ovviamente, ma considerando che la maggior parte del pesce deriva da allevamenti dove i pesci vengono alimentati a mais, ormoni e antibiotici, si fa presto a rovinarsi la salute. Il pesce selvatico può contenere alti livelli di mercurio e altri inquinanti, a seconda delle zone di pesca. Inoltre non dimenticare che il pesce nei mari sta finendo, molte specie tra le quali il tonno, si stanno estinguendo e secondo una stima recente, nel 2050 nel mare ci sarà più plastica che pesce. Lo stesso discorso vale per la carne, imbottita di steroidi e farmaci che rimangono presenti fino ai nostri hamburger e per i latticini. L’umanità sta distruggendo sé stessa, con le stesse armi con le quali distrugge la natura e gli animali. Esci da questo circolo vizioso o almeno consuma con giudizio: le proteine animali più tollerate e benefiche per l’organismo sono il miele, lo yogurt, il kefir e le uova, tutto rigorosamente biologico.
  9. Consuma frutta secca a guscio e semi oleosi come noci, mandorle, semi di zucca, di lino, di canapa e di girasole, meglio ancora se spremuti a freddo o pestati, ridotti in paste o creme, dalle quali vengono assimilati più facilmente i nutrimenti.
  10. Consuma frutta e verdura biologica, fresca e di stagione.
  11. Evita le crocifere, ovvero cavoli, cavolfiori, broccoli, cavolo nero, a meno che non siano ben cotti, possono alterare la funzione della tiroide.
  12. Consuma olio di cocco in cucina e come idratante della pelle; è un ottimo antibatterico e antimicotico ed ha molte funzioni depurative, inoltre regge bene la cottura ad alte temperature. Non esagerare, ma alternalo un paio di volte a settimana all’olio di oliva o di canapa crudi.
  13. Consuma molte verdure fermentate, come il kimchi, ma prova a far fermentare quelle che ti piacciono di più. La fermentazione conferisce agli alimenti molte proprietà, grazie alla presenza di probiotici che regolano l’insulina.
  14. Aggiungi la curcuma alle tue ricette o prepara il latte d’oro, con cannella, latte e miele. Ricorda che la curcuma viene assimilata solo se sciolta nei grassi, attivata dal pepe e non cotta ad alte temperature e per più di 15 minuti.
  15. Mangia spesso l’aglio, contiene l’allicina, che ha valore antibiotico e antibatterico ed è un ottimo alleato contro l’acne.
  16. Bevi tè verde, ricco di antiossidanti e polifenoli, con potere anti-infiammatorio e depurativo. Ti consiglio il genmaicha, il tè verde giapponese con riso tostato, ha un sapore delizioso. Ricorda di non portare l’acqua a ebollizione ma fermati a 80° e lascia in infusione un cucchiaino scarso per 30 secondi circa.
  17. Deliziati con il cioccolato fondente, senza zucchero; ricco in flavonoli e ottimo anti-stress.
  18. Avocado: è uno degli alimenti più sani di cui disponiamo, pieno di nutrienti, vitamine e omega-9. Una rara eccezione da fare eventualmente nell’acquisto di prodotti locali.
  19. Uova: sono molto nutrienti e bilanciano i livelli ormonali grazie al “colesterolo buono”.
  20. Consuma una volta a settimana alghe marine, che favoriscono il bilanciamento ormonale.
  21. Mangia porzioni “umane”, con calma e serenità, masticando molto e cercando di concentrarti sulla tua alimentazione, non distrarti troppo.
  22. Bevi molta acqua tutto il giorno, anticipando la sete.

Penso che possa bastare!

 

Vuoi saperne di più? Vuoi sapere quali sono gli alimenti migliori per ristabilire l’equilibrio ormonale? Iscriviti alla newsletter e torna su espira.org

Vuoi una consulenza personalizzata? Prenotala subito!

Se pensi che questo articolo o questo sito possano aiutare altre persone, condividilo e clicca sulle icone dei social network.

Andrea Butkovič

Sono Andrea, il webmaster di Espira, autore di Ansiopanicyn e ideatore del metodo olistico Resoluzione. La mia missione è di aiutarti ad affrontare ansia e panico nel migliore dei modi, senza spendere un capitale e senza aspettare una vita. Laureato in psicologia e con oltre 10 anni di esperienza, sono il tuo consulente olistico di fiducia.

I migliori prodotti selezionati da espira per il tuo benessere!

 

Rhodiola Rosea - 50 capsule
Vigore fisico e mentale

Voto medio su 44 recensioni: Buono

€ 19.5

Dong Quai Bio
“Angelica Cinese” – per regolare il controllo ormonale, regolarizza il ciclo mestruale e rafforza l’utero

Voto medio su 3 recensioni: Buono

€ 9.3

Pausanorm Forte 100% Naturale - Menopausa
Favorisce il riequilibrio ormonale in menopausa

Voto medio su 29 recensioni: Da non perdere

€ 24


Niente spam, garantito!

Lascia la tua mail solo per ricevere altro materiale gratuito e aggiornamenti dal blog, niente spam! Andrea

Error: Please enter a valid email address

Error: Invalid email

Error: Please enter your first name

Error: Please enter your last name

Error: Please enter a username

Error: Please enter a password

Error: Please confirm your password

Error: Password and password confirmation do not match