Come combattere l'ansia e vincerla?

Vuoi vincere l'ansia definitivamente? Combattere l'ansia e sconfiggerla in soli 30 giorni: si può!

Vuoi combattere l’ansia senza farmaci con effetto immediato?

Si può combattere l’ansia senza farmaci? Se soffri di ansia o attacchi di panico, probabilmente le avrai provate tutte. Dai fiori di Bach alla meditazione, dagli esercizi spirituali agli integratori, dalle tisane alle discipline più bizzarre. Avrai sicuramente cercato su internet quali sono i migliori ansiolitici naturali e tutti i rimedi contro l’ansia. Forse hai anche provato ad assumere dei farmaci, come le benzodiazepine, ma non hai risolto nulla. E la psicoterapia? Con enormi sacrifici economici molte persone intraprendono un percorso di cura che spesso dura anni.

Insomma, esistono decine e decine di modi per combattere l’ansia, ma nessuno di questi sembra funzionare. A rigor di logica, se esistesse un metodo davvero efficace, nessuno vorrebbe provare gli altri, quelli che non funzionano. Se davvero i farmaci fossero utili, allora perché vengono proposte dozzine di psicoterapie differenti e cure alternative di ogni tipo? E lo stesso discorso vale per ogni cura: se la tanto decantata psicoterapia cognitivo comportamentale funziona davvero come dicono, perché le altre non scompaiono?

Cerchiamo di vedere il problema da un’altra prospettiva: nel medioevo alcuni mal di testa si curavano trapanando letteralmente il cranio del paziente e creando un foro per far uscire quel “qualcosa” che causava il dolore. Un metodo discutibile e molto grezzo. In molti non sopravvivevano, ovviamente. Bene, col tempo l’umanità si è ingegnata e ha creato differenti cure per l’emicrania, come il paracetamolo. Una tachipirina e via! Mal di testa passato. Dal momento che esiste una cura efficiente e il suo valore è dimostrabile, tutte le altre terapie obsolete non vengono più praticate. Grazie a Dio!

Lo stesso dovrebbe valere per le varie cure dell’ansia. Se una di queste è davvero in grado di curare l’ansia, allora dovremmo veder sparire dalla circolazione molte delle terapie alternative, se non tutte. Ma perché ciò non accade? La risposta è scoraggiante: perché non esiste una cura per l’ansia. Non esiste una singola terapia in grado di combattere l’ansia e di sconfiggerla una volta per tutte. Quindi? Siamo spacciati? Assolutamente no!

Continua a leggere, perché la soluzione arriva alla fine. Ma procediamo per gradi. Come combattere l’ansia per superarla definitivamente?

Combattere l’ansia con i farmaci

Come abbiamo visto combattere l’ansia con i farmaci non ha senso. Certo, sul momento funzionano alla grande. Se hai un attacco di panico o una crisi d’ansia molto forti, qualche goccia o una pillola possono riportarti con i piedi per terra, rilassarti e stenderti completamente. Una scorciatoia molto comoda, ma che non risolve niente. Una scappatoia a basso prezzo, ma qual è il suo costo reale? Di farmaci contro l’ansia ce ne sono a bizzeffe:

  • Tavor,
  • Xanax,
  • Lexotan,
  • Valium,
  • Ansiolin,
  • Control,
  • En,
  • Rivotril,
  • Lorans,
  • Diazepam,
  • Alprazolam,
  • Lorazepam
  • Frontal,
  • Prazene,
  • Dalmadorm,
  • Felison,
  • Halcion,
  • Minias,
  • Roipnol,
  • Nottem,
  • Stilnox,
  • Buspar,
  • ecc…

Tutti quanti hanno due facce della medaglia. Quali sono? Da una parte hanno un effetto immediato di sollievo e possono davvero essere utili per superare momenti molto difficili, in particolar modo quando le energie a disposizione della persona sono scarse. Parliamo di energie mentali, di risorse e di situazioni di estremo bisogno. In questi casi i farmaci hanno un loro senso di esistere. Ma dall’altra parte ci sono gli effetti collaterali. Vediamoli tutti:

  • Dipendenza: il primo e il più importante in assoluto. Questi farmaci danno una forte assuefazione e si comportano come una droga. Sostituiscono, cioè, alcune sostanze che il cervello produce naturalmente in condizioni di salute. Possono stimolare la produzione di un particolare neurotrasmettitore o inibirlo. In ogni caso i farmaci contro l’ansia si sostituiscono al lavoro naturale di alcune sostanze e il risultato è che queste smettono di essere attive. Visto che quella sostanza arriva dall’esterno, il cervello pensa bene di non produrla più. Si crea così il circolo vizioso della dipendenza. I farmaci, secondo le linee guida medico scientifiche, andrebbero assunti per periodi non superiori alle 2 settimane e non oltre i 2 mesi al massimo. Inoltre non dovrebbero mai essere combinati con altri psicofarmaci. Ma sappiamo bene che la realtà è un’altra. Medici, psichiatri e terapueti prescrivono cure e cocktail di farmaci che durano anni, a volte tutta la vita. Ciò significa combattere l’ansia per finta. A vincere è l’ansia stessa, a vincere sono solo le case farmaceutiche che si assicurano milioni di clienti fedeli ogni anno.
  • Effetti collaterali veri e propri. Possono essere moltissimi, ma la cosa paradossale è che tra i primi ad essere indicati in ogni foglietto illustrativo c’è l’ansia. L’ansia è l’effetto collaterale dei farmaci per combattere l’ansia? Ebbene sì. Assurdo ma vero. Oltre a questo gli effetti collaterali dei farmaci contro l’ansia possono comprendere insonnia, irritabilità, nausea, cefalea, palpitazioni, tremori, sudorazione, dolori muscolari, vomito, intolleranza alle luci e ai suoni, convulsioni,allucinazioni, manie, agitazione, eccitazione, tristezza, delirio, allucinazioni, difficoltà a pensare e ad esprimere le proprie emozioni.
  • Effetti collaterali a lungo termine: le benzodiazepine aumentano il rischio di Alzheimer dell’80% , peggiorano le capacità cognitive e motorie e potrebbero causare il cancro.

Prezzi decisamente troppo alti da pagare per una cura dell’ansia che non funziona. Un po’ come la trapanatura del cranio, assumere un farmaco che non offre garanzie di alcun tipo, nella stragrande maggioranza dei casi è dannoso, rischioso e non risolve il problema. L’ansia, infatti, è un disturbo molto complesso e non può essere risolto cercando di risolverlo solo da uno dei numerosi punti di vista.

Cos’è l’ansia allora? Ansia sintomi e cause

L‘ansia è un problema molto complesso. Viene descritto come un problema di natura psichiatrica o mentale. Ma non è solo questo. L’ansia è molto di più. L’ansia viene considerata un disturbo psichiatrico dagli psichiatri, un disturbo psicologico dagli psicologi, un disturbo del sistema nervoso dai neurologi e un disturbo medico dai medici. Insomma, che tipo di malattia è? Se ci basiamo su quanto diceva Franco Basaglia, una delle figure intellettuali e rivoluzionarie più importanti degli ultimi cent’anni, la malattia mentale non esiste.

Ma come? La malattia mentale è un’invenzione bell’e buona della psichiatria, una scienza medica che si basa su una conoscenza estremamente limitata del cervello e della mente. Come funziona la mente? Quale meccanismo trasforma l’attività neurale in pensieri, emozioni, volontà, motivazione, sentimento e funzioni cognitive? Non c’è ancora alcuna risposta, tuttavia con estrema sicurezza e superbia la psichiatria si permette di classificare l’ansia come un disturbo mentale e prendersi l’esclusiva sulle sue cure.

Ma basta dare un’occhiata ai sintomi dell’ansia per capire che non si tratta di un problema solo mentale. Come può essere solo mentale un problema che ti fa battere il cuore, che ti fa sudare, che ti informicola le mani, che ti annebbia la vista e ti procura disagi intestinali? L’ansia è un problema complesso, che investe corpo e mente completamente. L’ansia è un parassita che riesce a intrufolarsi in ogni piccolo meandro della nostra vita. Puoi trovare l’ansia ovunque e lei riesce a colpirti in ogni momento, anche in quelli più inaspettati.

L’ansia coinvolge i pensieri, le emozioni, i sensi, la circolazione, il respiro, tutto. Quali sono i sintomi dell’ansia? Eccoli:

  • L’ansia e la preoccupazione sono eccessive e si manifestano per almeno 6 mesi;
  • Sei irritabile e ipersensibile;
  • Senti una forte tensione muscolare e dolori alla schiena, al collo o alle articolazioni;
  • Fai difficoltà ad addormentarti o a mantenere il sonno, hai un sonno irrequieto e insoddisfacente, con risvegli repentini e violenti;
  • Senti una sensazione di pericolo imminente e diffuso;
  • Provi difficoltà nel controllare la preoccupazione e l’ansia;
  • Aumenta la frequenza cardiaca, accelera il cuore;
  • La sudorazione diventa abbondante o eccessiva;
  • Aumenta il flusso sanguigno verso i più importanti gruppi muscolari;
  • Le funzioni del sistema immunitario e quello digestivo diminuiscono;Senti irrequietezza, hai i nervi a fior di pelle, una tensione continua;
  • Ti stanchi facilmente;
  • Hai difficoltà a concentrarti o vuoti di memoria;
  • La pressione del sangue aumenta;
  • Possono verificarsi congestione, pesantezza allo stomaco o reflusso;
  • Potresti soffrire di diarrea, aerofagia o gasi intestinali, stitichezza e dolori intestinali;
  • Vai in iperventilazione, hai il fiato corto e affannoso;
  • Hai il collo rigido;
  • Hai paura di spogliarti;
  • Hai bisogno d’aria;
  • Ti fischiano le orecchie (acufeni);
  • Aumenta la sensibilità di tutti i sensi (senti il cuore battere, le vene pulsare, i rumori ti urtano moltissimo);
  • I pensieri corrono veloci e sono inafferrabili;
  • Hai paura di smettere di respirare;Sei bianca e pallida;
  • Ti tremano e si dilatano le pupille;
  • Senti un senso di terrore o panico;
  • Hai comportamenti improvvisi di fuga o evitazione;
  • Hai un senso di oppressione al petto;
  • Senti la testa confusa e una sensazione di annebbiamento mentale o confusione mentale;
  • Hai paura di fare del male a qualcuno o a te stessa;
  • Provi un senso di derealizzazione: la realtà è diversa da prima, strana, il tuo corpo non è più lo stesso e nulla tornerà come prima.Senti un formicolio alle dita;
  • Hai un nodo in gola;Hai una sensazione angosciante di vuoto e insensatezza;
  • Senti un’improvvisa secchezza delle mucose della bocca e difficoltà a parlare;
  • Provi un’angosciante sensazione di mancanza di controllo sul corpo e sulla mente;
  • Ti vengono i conati di vomito, nausea, mal di pancia e mal di stomaco;

Come potrebbero dipendere solo ed esclusivamente dalla mente o dal cervello? Certo, il cervello governa tutto l’organismo ed è collegato ad ogni organo e tessuto, ovviamente. Ma questa osservazione vale allora per ogni singola componente del nostro organismo. Ed è proprio così. Dobbiamo adottare una visione d’insieme quando abbiamo a che fare con disturbi così complessi come l’ansia. Non possiamo limitarci a vedere l’ansia come una malattia della psiche.

L’ansia è un problema multifattoriale e complesso, multisfaccettato e dipende da moltissime cause. Quali sono le cause principali dell’ansia?

Le cause dell’ansia

Se consideriamo la lunghezza della lista dei sintomi dell’ansia, anche quella delle cause sarà pressoché infinita. Le cause dell’ansia possono essere di natura psicologica, mentale, psichiatrica, ma anche di natura fisica e sociale. Tra le cause dell’ansia troviamo moltissime abitudini scorrette, come quelle alimentari, comportamentali e legate ai nostri stili di vita artificiali e sedentari.

L’ansia è sempre esistita, sì, perché deriva dalla preoccupazione e può essere letta come un segnale di allarme esagerato e infondato. Possiamo però ben dire che l’ansia è una risposta innata snaturata, deviata. In natura gli esseri umani non provavano appunto l’ansia, ma la preoccupazione e l’allarme, due sensazioni fondate su un motivo pratico e reale: la paura della morte e lo stimolo di sopravvivenza.

Cos’è l’ansia? L’ansia è una risposta disadattiva e malata che si basa su una reazione spontanea dell’organismo. Ma attorno a questa risposta automatica di allarme si sono stratificati e sedimentati schemi mentali, abitudini, valori e stili di vita artificiali, innaturali, malati. Possiamo parlare di inquinamento, di una vita inquinata a vari livelli, non solo nell’aria che respiriamo.

Viviamo esistenze artefatte, distanti dalla natura e dalla nostra natura e questa distanza la paghiamo con l’ansia. In quello scarto, in quel gap tra la nostra essenza naturale e la vita alienante in cui siamo incastrati, l’ansia sguazza felice. Siamo distanti dal nostro modo naturale di nutrirci, di esprimerci, di vestirci, di muoverci e pensare. Siamo vittime di abitudini che non mettiamo in discussione, a nessun livello.

Dieci ore di lavoro al giorno davanti al computer, un pranzo al volo in fast food, un pacchetto di sigarette e una sbronza alla settimana. I contatti sociali sono ridotti al minimo, perché sono sostituiti dai social network, così passiamo davanti al telefono le serate tra amici e tutto il tempo libero. Non camminiamo per andare al lavoro, ma ci vediamo grasse e fuori forma, così paghiamo per la palestra e magari prendiamo anche integratori di ogni tipo per i muscoli. Ci dimentichiamo di bere acqua, ma trangugiamo caffè e bibite a volontà. Facciamo attenzione ai grassi, ma gli zuccheri sono in ogni pietanza e bevanda. E come respiriamo? Chissà, nessuno ci ha insegnato a farlo. Tutto ciò è un biglietto di solo andata per la conquista del nostro organismo, un biglietto che regaliamo all’ansia insieme alle chiavi della nostra città interiore.

Combattere l'ansia senza farmaci si può?

Combattere l’ansia senza farmaci: si può?

Il discorso anche in questo caso è molto simile. E il punto è sempre quello: l’ansia è un problema complesso che deriva dal nostro allontanamento dalla natura. Un allontanamento che siamo capaci di mettere in pratica a diversi livelli, su molteplici fonti. Quindi combattere l’ansia senza farmaci diventa inutile se tentiamo di superarla con un rimedio alla volta. Non esistono rimedi miracolosi di alcun tipo.

Possiamo sconfiggere l’ansia e combatterla senza farmaci e nella quasi totalità dei casi è la soluzione migliore. Ma come possiamo fare? Per combattere l’ansia e vincerla una volta per tutte dobbiamo agire su ogni fronte. Dobbiamo assediare l’ansia in ogni sua fortificazione e sferrare un attacco unico, simultaneo, convinto e deciso. Bisogna combattere l’ansia a partire dalla funzione che più di tutte possiamo controllare con facilità, perché per vincere la guerra contro l’ansia dobbiamo partire da una posizione d’attacco vantaggiosa.

Il primo assoluto passo per gestire l’ansia e recuperare le energie è la respirazione, poi arriveranno tutti gli altri. Vuoi conoscere il metodo completo per combattere l’ansia e il panico e vincerli una volta per tutte?

Ansiopanicyn: combattere l’ansia e sconfiggerla

Ho conosciuto l’ansia molti anni fa. Aveva colpito anche me, in ogni minimo dettaglio della mia vita. Volevo sconfiggerla, ma non sapevo come. Non volevo farmaci, avevo paura di diventarne dipendente. Ero molto giovane e temevo anche il confronto con un terapeuta. Allora ho cominciato a informarmi, a studiare, a sperimentare. E ho vinto l’ansia una volta per tutte, solo con metodi naturali, solo con tecniche, strategie e tanta volontà. Negli anni mi sono laureato in Psicologia e ho lavorato a stretto contatto con i disturbi mentali più gravi.

Il metodo che mi aveva salvato è servito per aiutare molte altre persone, così un giorno mi sono convinto e, grazie anche alla passione per la scrittura, ho scritto Ansiopanicyn, il metodo completo per combattere l’ansia. Ansiopanicyn contiene oltre 15 anni di vita, di esperienze e di studi. Dentro Ansiopanicyn trovi una sintesi di tutte le strategie per superare l’ansia, di quelle migliori e che funzionano di più.

 

Con Ansiopanicyn puoi risolvere definitivamente l’ansia senza farmaci e senza spese eccessive. Non è un libricino da spiaggia, non è un libro che non arriva mai al punto, che non ti dice cosa fare in pratica. Ansiopanicyn comincia subito con i consigli pratici, ti dice subito cosa fare e cosa evitare. Arriva subito al punto, niente giri di parole. Se vuoi vincere l’ansia lo trovi in versione cartacea o digitale. Ordinalo subito sul sito ufficiale delle Edizioni Enea, la casa editrice dell’unica Scuola Italiana di Medicina Olistica.

Combattere l'ansia: ordina subito una copia di Ansiopanicyn

Combattere l'ansia: Ansiopanicyn, il metodo completo per vincere l'ansia. Di Andrea Butkovic, Enea Edizioni

Le armi di espira per combattere l'ansia

Il blog

Il blog per combattere l'ansia

Il materiale gratuito

Come combattere l'ansia? Scarica la guida gratuita per vincere l'ansia in cucina
vincere l'ansia ricette

Il libro

Come combattere l'ansia? 30 pillole di salute in 30 giorni contro ansia e panico

La consulenza privata

Come combattere l'ansia? consulenza online contro ansia e panico

Il blog di riferimento per combattere ansia e panico

Leggi anche i miei articoli su...

Benessereblog

Gli articoli di Andrea Butkovic su benessereblog.it

Scienzaesalute

Gli articoli di andrea Butkovic su scienzaesalute

Greenme

Gli articoli di Andrea Butkovic su greenme


Niente spam, garantito!

Lascia la tua mail solo per ricevere altro materiale gratuito e aggiornamenti dal blog, niente spam! Andrea

Error: Please enter a valid email address

Error: Invalid email

Error: Please enter your first name

Error: Please enter your last name

Error: Please enter a username

Error: Please enter a password

Error: Please confirm your password

Error: Password and password confirmation do not match